Macchina caffè Necta Swing

Vota questo contenuto

Necta Swing è la novità più fresca sotto tutti i punti di vista attualmente disponibile sul mercato, in grado di offrire eccezionali performance di distribuzione associate a un’estrema affidabilità e a un’alta flessibilità, utili per personalizzare al massimo la richiesta dei consumatori.

La configurazione interna della macchina offre l’opportunità di visualizzare con chiarezza la merce, organizzata su sette vassoi ampiamente distanziati tra loro in modo tale da evitare sovrapposizioni di alimenti.

Flessibilità e versatilità di Necta Swing

Uno dei punti di forza di Necta Swing è senza dubbio la presenza di vassoi trasparenti di tipo visio-shop-try, che sostituiscono i precedenti modelli in acciaio.

Grazie alla loro trasparenza, essi possono essere attraversati dalla luce in modo tale da rendere più appetibili i singoli prodotti.

Sfruttando l’innovativo sistema di posizionamento rapido delle guide laterali (V-flex-system), viene offerta l’opportunità di modificare la configurazione interna del distributore, il numero dei vassoi e di conseguenza la quantità di merce esposta, che comunque risulta perfettamente visibile da qualsiasi angolazione.

L’apparecchio è disponibile con molti layout per potersi adattare a qualsiasi location, anche quando lo spazio è contenuto.

La temperatura interna può variare da 0,3 gradi (per la conservazione di alimenti freschi) a 5-7 gradi, fino a 8-12 gradi, a seconda del tipo di prodotti contenuti.

Questo distributore può funzionare anche in assenza di refrigerazione, quando i prodotti in esso contenuti non appartengono alla categoria food oppure drink&beverage, e quindi possono essere conservati a temperatura ambiente.

Per avere ulteriori dettagli su Necta Swing, è possibile consultare Worldmatic.com, il portale specializzato nelle informazioni su distributori automatici di ultima generazione.

Efficienza energetica e sostenibilità ambientale di Necta Swing

Necta Swing contiene un compressore e un evaporatore di piccole dimensioni il cui funzionamento garantisce da un lato una perfetta efficienza e d’altro lato riduce notevolmente i tempi di pull down (oltre il 30%) all’interno del cabinet, rispetto a modelli precedenti.

Proprio per questo motivo il consumo energetico si riduce notevolmente anche grazie a un perfezionato sistema sigillante a base di schiumatura con poliuretano, che blocca la formazione di ponti termici tra la cella e l’esterno.

Una struttura del genere risulta particolarmente vantaggiosa anche dal punto di vista dell’impatto ambientale, poiché l’emissione dei residui inquinanti viene ridotta fino al 70%.

Questo apparecchio non utilizza i gas HFC che sono stati messi al bando da normative europee, in quanto dannosi per l’ecosistema.

Il risparmio energetico è garantito anche dalla presenza di PVC all’interno della cella, che isola il vano prelievo nel momento di apertura e chiusura dello sportello.

Necta Swing si distingue per le sue innovative tecnologie di refrigerazione ad alta efficienza ma a basso impatto ambientale, che si associano a un’elevata capacità di carico, flessibile e personalizzabile.

È proprio grazie a queste funzioni che il distributore automatico riesce a gestire svariate tipologie di packaging, anche nel settore non-food.

L’apparecchio, che può contare su una gestione intelligente e semplificata, sfrutta un innovativo servizio cloud che consente agli operatori di aggiornare il software in tempo reale, di risolvere eventuali guasti e di personalizzare l’interfaccia grafica per offrire agli utenti servizi sempre più perfezionati.

La nuova generazione di distributori Necta si conferma tra le eccellenze di questo settore sia dal punto di vista tecnico che funzionale, oltre che per un design particolarmente accattivante e sempre più apprezzato da tutte le fasce di utenza.

Il nuovo distributore automatico Swing è attualmente una delle scelte migliori, anche per la sostenibilità ambientale, poiché utilizza un gas refrigerante naturale (RM290) che non inquina l’ambiente e ottimizza i consumi energetici dell’apparecchio.