L’importanza di prendersi una pausa caffe durante la giornata

5/5 - (3 votes)
Prendersi una pausa caffè

Il riposo è uno dei bisogni più trascurati nella società moderna. Il messaggio che ci viene trasmesso è che dobbiamo produrre di più, essere più efficienti, più veloci, più impegnati.

Raramente -se non proprio mai- qualcuno ci dice di fermarci e concederci un po’ di riposo. E non si intende soltanto il riposo notturno, ma una pausa concessa durante la giornata, del tempo da dedicare a noi stessi, anche in mezzo agli impegni lavorativi.

Prendersi una pausa è fondamentale per il benessere di ognuno di noi e non va, al contrario di quanto si possa pensare, a discapito della produttività. Al contrario, le pause contribuiscono ad un lavoro di qualità maggiore e consentono di affrontare i problemi da una nuova prospettiva.

Prendersi una pausa caffè

Perché fermarsi: a cosa serve prendersi una pausa

Ti sarà capitato ogni tanto di provare a svolgere un cruciverba e di bloccarti su una definizione che proprio non ti suggerisce nulla. In una simile occasione, magari, dopo aver abbandonato il cruciverba ed esserti dedicato ad altre attività, la risposta potrebbe esserti venuta in mente dopo qualche giorno, mentre eri impegnato in tutt’altro.

Questa esperienza è piuttosto comune e dimostra uno dei maggiori benefici psichici del prendersi una pausa. Staccando la mente si è in grado di vedere i problemi con maggiore lucidità e, in alcuni casi, anche di ottenere quello che in gergo si chiama “insight.

L’insight è esattamente quella parola che viene in mente all’improvviso, quella soluzione alternativa a cui non avevamo pensato perché eravamo troppo concentrati a ragionare secondo schemi di pensiero ripetuti all’infinito.

Anche in assenza di un insight, comunque, rinfrescare la mente consente di riapplicarsi alle attività da svolgere con rinnovata tenacia e, soprattutto, rinnovata attenzione. È noto, infatti, che la nostra attenzione è limitata e decresce quindi rapidamente con il passare del tempo.

Per non rischiare di svolgere il lavoro con poca accuratezza o, peggio ancora, di avere incidenti dovuti alla distrazione, è bene concedersi il tempo per riposare.

Infine, ma non meno importante, prendersi una pausa contribuisce alla salute psicofisica. Sentirsi sopraffatti dal lavoro non è piacevole né salutare. Bisogna trovare il giusto equilibrio tra lo sforzo mentale e la libertà di prendersela comoda.

Per questo motivo, è importante prendersi cura di sé, nella vita lavorativa e al di fuori di essa, anche concedendo ogni tanto al pensiero di vagare.

La pausa sul lavoro è un beneficio anche per l’azienda

Ma cosa si intende con una migliore salute psicologica? In primis, questo significa sperimentare una riduzione dei livelli di stress. Lo stress non incide solamente sulla psiche, ma anche il fisico ne è intaccato.

Alti livelli di cortisolo, l’ormone associato allo stress, comportano conseguenze come la riduzione delle difese immunitarie, aumento di peso e alti livelli di pressione arteriosa, che predispongono ad attacchi di cuore.

Perciò, un livello di stress nei limiti della norma è necessario per una vita sana e vantaggioso anche per l’azienda. Infatti, diversi studi hanno dimostrato che i lavoratori stressati producono meno rispetto ai colleghi più rilassati e che la situazione di precarietà in cui molti si ritrovano, specialmente in seguito alla pandemia, non ha fatto altro che peggiorare le condizioni dei lavoratori.

È perciò anche compito delle figure dirigenziali dell’azienda occuparsi anche di questo aspetto della vita lavorativa. Sarebbe quindi opportuno creare un ambiente non eccessivamente stressante, collaborativo e in cui sia possibile avere un dialogo aperto.

Ormai molte aziende stanno provvedendo a fornire ai propri dipendenti opportunità per coltivare il proprio benessere anche in ufficio, come ad esempio tenendo corsi di yoga. Ma anche i lavoratori stessi possono provvedere, per esempio informandosi sulle forme di meditazione che possono comodamente essere svolte alla scrivania o nei suoi pressi.

Prendersi una pausa camminare

Come prendersi una pausa efficiente

Se ormai sei convinto della necessità di prendersi una pausa, forse sarai curioso di sapere come trarre il massimo beneficio da questo tempo. Non esiste una risposta univoca a questa domanda: ciascuno può trovare più o meno rilassante la stessa attività. Esistono però delle buone pratiche per far fruttare al meglio la propria pausa.

Innanzitutto, sarebbe meglio non passare il tempo a guardare il telefono durante la pausa. Certo, la tentazione di far scorrere le pagine dei social network potrebbe essere forte, ma preclude la possibilità di socializzare con le persone in carne ed ossa che ti circondano. Inoltre, specialmente se svolgi un lavoro d’ufficio che ti costringe a passare molto tempo davanti allo schermo del computer, potresti sfruttare meglio la pausa riposando per un po’ gli occhi.

La pausa può essere sfruttata anche per mettere in moto il corpo. Una vita sedentaria nuoce alla salute fisica, ma è deleteria anche per la mente. Il lungo tempo speso seduti alla scrivania, infatti, non solo può portare ad accumulare peso eccessivo, ma aumenta anche i livelli di ansia e abbassa il tono dell’umore.

Perché quindi non sfruttare la pausa per fare due passi, ancora meglio se in uno spazio verde? Non farti vincere dalla pigrizia e, perché no, invita magari anche qualche collega, per favorire anche le relazioni positive sul posto di lavoro.

Per concludere, non è molto importante quale attività decidi di svolgere durante la tua pausa, ma piuttosto è fondamentale che si tratti di qualcosa che ti consenta di distogliere l’attenzione dal lavoro e di far vagare il pensiero, per poi tornare alla scrivania e con la mente più libera e le pile ricaricate.

Riduzione dello stress

Le giornate lavorative, soprattutto quelle in ufficio e in luoghi chiusi, possono essere piuttosto lunghe e stressanti.
Si passa da una riunione all’altra e i ritmi sono incalzanti, con il risultato che si cede alla stanchezza e all’ansia peggiorando le proprie prestazioni.

mind

Sapere di potersi concedere qualche minuto di stacco e relax è essenziale per non congestionare eccessivamente il cervello, con la caffeina che dona una sferzata di energia e aiuta ad affrontare meglio gli impegni successivi.

Trovarsi davanti alla macchinetta con altri colleghi incentiva la condivisione, sia degli aspetti positivi del lavoro sia di quelli negativi, in modo da scaricare la tensione e poter trarre spunti utili per rendere maggiormente nel proprio campo.
Secondo le statistiche, coloro che si concedono 10 minuti ogni 2 ore di pausa riescono a sostenere meglio la pressione e mantenere una mente lucida nelle scelte e nella gestione del lavoro.

Maggiore produttività

Può sembrare un controsenso poiché per qualche minuto il lavoro si ferma, ma in realtà la pausa caffè aumenta la produttività, come dimostrato da numerosi studi.

È infatti un momento dove si ricaricano le energie e si riesce ad affrontare meglio quello che sarà il successivo ostacolo o obiettivo.

Portare i propri dipendenti a esaurimento non è mai una buona idea in termini di prestazioni, meglio concedere loro un momento rilassante e conviviale affinché poi dedichino tutte le loro energie al lavoro.

Il caffè ha proprietà energizzanti e stimolanti, pertanto aiuta a favorire la concentrazione e a tornare con la mente al compito che si deve svolgere.
La testa comanda sul corpo e permette di ottenere ottimi risultati se indirizzata nella maniera corretta. Pertanto, la pausa caffè è come un pit stop essenziale affinché si possa portare a termine la giornata con il massimo del profitto.

Maggiore produttività

Installare un distributore è quindi parte delle tecniche e strategie consigliate per avere prestazioni top dai dipendenti.

Attivazione del corpo

Stare ore e ore seduti davanti a una scrivania, cercando di raggiungere i propri obiettivi con ragionamenti complessi o ripetendo delle operazioni, causa una tensione anche nel corpo nonostante si stia comodamente seduti.
Il collo è rigido, la schiena spesso posizionata in maniera errata, le gambe ferme e intorpidite.

La pausa caffè, pertanto, oltre ad avere un’importante valenza a livello mentale, è essenziale anche per attivare il corpo e non renderlo apatico e passivo.
Tutti gli esperti consigliano di alzarsi almeno ogni due ore da davanti al computer o dalla scrivania, così da attivare la circolazione, sgranchire gli arti e permettere alla mente di recuperare energia, scaricando tutte le tensioni accumulate.

In questo modo si limita la comparsa di dolori articolari e muscolari, si aumenta la produttività e si esercita anche il corpo al movimento.

I distributori di bevande hanno all’interno non solo il caffè, pertanto potrai approfittare di cappuccino e cioccolate calde in vari momenti della giornata cambiando il gusto.

La pausa caffè favorisce i rapporti umani a lavoro

Lavorare in un ambiente dove i rapporti sono cordiali è già un buon passo, ma un ambiente lavorativo amichevole è ancora meglio! Infatti, trovare nel lavoro anche una soddisfazione ai propri bisogni sociali porta a lavorare più volentieri e quindi anche più diligentemente. Inoltre, al contrario di posti di lavoro in cui ci si contende la benevolenza dei superiori o si cerca di ostacolarsi a vicenda, i rapporti amichevoli con i colleghi favoriscono la cooperazione e la comprensione.

E quale modo migliore per legare con i propri colleghi se non durante la pausa caffè? Si tratta di un’esperienza talmente familiare a ciascuno di noi che è stata rappresentata persino in Camera Café, la popolare serie TV, che racconta le storie di alcuni colleghi che ogni giorno si incontrano di fronte al distributore del caffè a socializzare. Infatti, davanti ai distributori automatici avvengono interazioni di ogni tipo. Può essere l’occasione per chiarirsi con un collega dopo una discussione accesa su questioni di lavoro, oppure per confrontarsi sulle strategie migliori per portare a termine un compito. In ogni caso, è sempre piacevole avere uno spazio in cui condividere momenti quotidiani con altre persone.

Pausa Caffe Distributori Automatici

Le grandi aziende hanno già ottimizzato la pausa caffè

Una delle grandi aziende nota per aver fornito ai suoi dipendenti aree break di altissimo livello è Google. Nelle sedi di Google, infatti, non si sono limitati a scegliere colori sgargianti e tappezzerie originali, ma è possibile trovare anche altalene, scivoli, dipendenti che girano in pattini per l’ufficio e persino finti igloo nei quali è possibile sedersi a sorseggiare il proprio caffè. L’idea alla base di questa progettazione è che dipendenti stimolati dall’ambiente circostante siano anche più attivi e produttivi.

Se anche nella tua azienda intendi valorizzare la pausa caffè, puoi procurarti distributori.

Miglioramento dell’umore

Fissare uno schermo tutto il giorno e avere le incombenze e le scadenze sul collo spesso rende l’umore irritabile e irascibile, quando invece basterebbe concedersi una piccola pausa per ritrovare il proprio equilibrio.

La pausa caffè ha in tal senso una doppia valenza.

Da un lato si cambia scenario e si ritrovano le energie per migliorare la concentrazione e lo svolgimento dei propri compiti, facendo un punto della situazione più distaccato e al di fuori della propria postazione.

Dall’altro, una bevanda energizzante come il caffè contribuisce a far avvertire una scarica di forza e vitalità, ricaricando il corpo e quindi permettendo alla mente di essere maggiormente reattiva.

Scegliere un distributore automatico, possibilmente in comodato d’uso, consente di mantenere più alto l’umore del tuo staff, che ha la possibilità di staccare piacevolmente la spina qualche minuto e intrattenersi con altri colleghi.

Si tratta di un modo per scambiare opinioni e avere anche un punto di vista diverso, magari dopo ore trascorse a trattare lo stesso argomento e con la lucidità che potrebbe venire meno.

Momento di socializzazione

Fare una pausa caffè non vuol dire fare ricreazione, ma poter quantomeno scambiare due parole con le persone che si trovano nello stesso ambiente e che spesso non si riescono a conoscere davvero per mancanza di tempo.

Si tratta di un piacevole momento di aggregazione, anche se di pochi minuti, nel quale si ricaricano le pile tutti insieme o a piccoli gruppi, facendo squadra e condividendo traguardi e problematiche riscontrate.
Parlare con altre persone coinvolte nello stesso lavoro delle idee e dello stress accumulato, consente di abbassarne i livelli e magari trovare quella soluzione che proprio non veniva in mente.

Alcune aziende promuovono solo la pausa caffè tra dipendenti, altre ritengono che la loro integrazione con le figure dirigenziali e superiori possa favorire un migliore rapporto di collaborazione nella scala gerarchica dell’azienda, vedendo i propri capi in una versione più umana e conviviale.
Installando un distributore automatico, quindi, si genera spirito di unione, che certamente può tornare utile se si pensa a progetti condivisi in squadre.

Quanto deve durare la pausa caffè?

Una pausa caffè ben organizzata apporta tutti i benefici di cui abbiamo parlato fino a questo momento, ma ovviamente deve avere una durata consona ai ritmi di lavoro.

Questa varia in base al tipo d’impiego e allo sforzo che viene profuso.
Se si tratta ad esempio di un lavoro di gestione e progettazione al pc, 10 minuti ogni due ore possono essere sufficienti a staccare la spina e ricaricare le energie, poiché un tempo più lungo potrebbe distogliere troppo l’attenzione uscendo dal mood del proprio obiettivo.

TI ABBIAMO INCURIOSITO?

Inserisci i tuoi dati e contattaci!

Ai sensi dell’art. 13 D. Lgs. 196/2003 i dati personali, presenti su eventuali email o su moduli elettronici che ci perverranno, potranno essere oggetto di trattamento per finalità promozionale e di marketing. In ogni caso il trattamento sarà effettuato con il supporto di mezzi informatici atti a memorizzare e gestire i dati stessi e mediante strumenti idonei a garantire la loro sicurezza e riservatezza. I dati acquisiti non saranno comunicati a terzi e sarà possibile richiederne la cancellazione in qualsiasi momento tramite posta elettronica.

numero verde

Chiama il servizio clienti al numero verde qui riportato, Oppure compila il modulo qui accanto. Entro poco tempo verrai contattato da un nostro esperto che sarà lieto di rispondere a ogni tua richiesta e domanda. Con World Matic il servizio è qualità!

Preventivo